Quell’anno a Cuba

Due erano i sogni di Tracy fin da bambina: diventare una ballerina e vedere Cuba. E quando
finalmente il destino, attraverso la proposta di lavorare come coreografa per un’importante catena
alberghiera, la mette davanti all’occasione di realizzarli entrambi, non esita a mettere in secondo
piano la sua vita sentimentale per farlo.
L’arrivo nella splendida isola caraibica segna un nuovo inizio per Tracy, anche se la sensazione ha fin dal primo istante, è di appartenere a quei luoghi, dove scoprirà lati di sé che fino ad allora non conosceva. Un anno a contatto con la gente del posto e con i ragazzi che deve riuscire a far diventare ballerini poliedrici e preparati, le permette di intrecciare legami profondi e irrinunciabili. Nell’isola conoscerà poi l’amore, quello che travolge i sensi, che fa perdere il controllo ma che al tempo stesso la fa sentire perennemente sulle montagne russe…Tutto andrà a gonfie vele, almeno fino a quando Tracy non si troverà di nuovo a dover scegliere tra i sentimenti e la carriera, tra il desiderio di mettersi in gioco e la paura di farlo, per capire infine che ciò che desidera davvero è di non sentirsi costretta a fare una scelta…

Leave a Comment