Se tornassi indietro…

Se tornassi indietro…

Il brutto di ogni cosa che è accaduta… è che non può essere cambiata… il bello di ciò che non può essere cambiato… è che costituisce un’importate esperienza da cui ripartire… Quante volte ci siamo trovati a desiderare di poter rivivere un episodio di cui, a posteriori, avremmo voluto cambiare le dinamiche e, di conseguenza, il suo epilogo? E quante altre avremmo voluto riportare indietro il tempo al momento in cui abbiamo effettuato una scelta di cui ci siamo pentiti? Perché siamo convinti che l’opzione a cui abbiamo deciso di rinunciare per preferirle un’altra nel frangente vissuto, sia sempre la migliore? Tutto ciò che viviamo, ogni esperienza, qualunque episodio, contribuisce a costituire, e costruire, la nostra personalità che si rafforza e si consolida sulla base delle esperienze e di come ci siamo posti noi nel corso di quelle inevitabili circostanze. Il modo in cui abbiamo affrontato gli ostacoli e gli…

Continua a leggere

Prova a prendermi

Prova a prendermi

Le persone che scappano di più… non sono quelle che vogliono essere inseguite… le persone che scappano di più… sono quelle che hanno bisogno di sentire di voler tornare… ancora e ancora… Nel fitto groviglio di persone e di individui che incrociano la nostra esistenza come se essa stessa fosse una costante porta scorrevole dalla quale assistiamo a un via vai che da un lato ci rende confusi ma dall’altro ci stimola a proseguire l’affascinante cammino della vita, possiamo trovarci ad avere a che fare con qualcuno che mette sistematicamente in atto una dinamica di fuga in virtù della quale ci sentiamo destabilizzati e confusi. Eppure in qualche modo ce ne sentiamo affascinati, motivati a comprendere cosa si nasconda dietro quel loro atteggiamento, quell’esigenza di allontanarsi dopo essere venuti verso di noi; più ancora ciò che ci lascia sbalorditi è la successiva tendenza a tornare sui loro passi e riavvicinarsi…

Continua a leggere

Vado via per un po’

Vado via per un po’

Il modo migliore per perdersi spesso… è cercare di trovarsi… così come il modo migliore per trovarsi… è quello di decidere di perdersi… Nella società contemporanea ogni incontro, ogni rapporto interpersonale sembra inspiegabilmente complicarsi, dopo i primi approcci idilliaci e piacevoli, e generare una serie infinita di incomprensioni che difficilmente riescono a trovare una risoluzione. Ciò è probabilmente dovuto alla fretta con la quale tendiamo ad approcciare l’altro, certi di poter intuire velocemente cosa davvero sta cercando di sottintendere, ma anche alla mancanza di reale ascolto e attenzione a tutto ciò che in qualche modo è esterno a noi, incapaci in fondo di osservare la realtà da un punto di vista più empatico, senza valutarla attraverso il filtro del nostro comportamento e delle nostre peculiarità caratteriali bensì comprendendo le azioni e le reali intenzioni di chi non può che essere diverso da noi solo per il fatto di essere un…

Continua a leggere

Nel fiume del tempo

Nel fiume del tempo

Spesso il senso delle cose accadute… risiede esattamente nella ricerca di quanto ciò che è accaduto… abbia avuto un senso… Può capitare, nel corso di quel complicato e imprevedibile ottovolante che è la nostra esistenza, di imbatterci in episodi e circostanze inattesi e molto spesso decisamente destabilizzanti rispetto a ciò che avevamo scelto o pianificato, in alcuni casi apparentemente peggiori mentre in altri invece decisamente migliorativi. Questo almeno è ciò che deduciamo poco dopo che quegli eventi si sono verificati sebbene non siamo in grado di prevedere quale sarà la direzione che, a seguito di quella deviazione, prenderemo, quali saranno gli effetti a lungo termine e quanto ci distanzieranno dagli obiettivi e dal cammino precedentemente intrapreso. Ovviamente nel caso di avvenimenti positivi e piacevoli ci riesce molto più facile accoglierne i risvolti e le implicazioni poiché sembrano essere un vero e proprio aiuto, un colpo di fortuna che addirittura spesso…

Continua a leggere

Come ti chiami?

Come ti chiami?

La fretta di dare un nome o una definizione a qualcosa… ci impedisce di assaporare il tempo… nel quale lentamente evolve prendendo la sua forma… Molto spesso nel vivere contemporaneo ci lasciamo prendere dal ritmo accelerato di un mondo che sembra correre in avanti e nel quale sia necessario avere tutto sotto controllo, tutto ben definito, perché in fondo è rassicurante sapere che ogni tassello è ordinatamente al proprio posto, all’interno di uno spazio ben delimitato in cui muoverci senza il timore dell’incerto. Questa tendenza diventa una nostra seconda pelle a tal punto da indurci a credere che qualsiasi persona con cui abbiamo a che fare abbia il nostro medesimo punto di vista, quello apparentemente più comune o, in ogni caso, quello che ci consente di non dover procedere per tentativi, di non impiegare tempo prezioso nel dover comprendere ciò che si presenta come indefinito, non catalogabile, non rispondente a…

Continua a leggere

Inspiegabile sintonia

Inspiegabile sintonia

Esistono persone di cui capiamo perfettamente le parole… e altre delle quali impariamo a comprendere i gesti… ma ne esiste solo una di cui interpretiamo perfettamente anche i silenzi… Crescere e maturare vuol dire prendere atto del necessario sforzo di entrare in connessione con gli altri, con chi giunge a far parte della nostra vita e con cui dobbiamo apprendere a relazionarci sebbene spesso la diversità con il nostro modo di vedere le cose appaia molto profonda; nella prima fase del viaggio verso la nostra evoluzione personale, ci avviciniamo a molteplici individui molti dei quali, nonostante la reciproca volontà di comprendersi, restano distanti, impossibili da decifrare oppure decisamente troppo in contrasto con il nostro approccio. In quei casi non possiamo fare a meno di prendere atto delle profonde differenze che rendono praticamente impossibile la possibilità di trovare un canale comunicativo, un gancio per far sì che il comprendersi abbia una…

Continua a leggere

Il ritmo lento delle cose improbabili

Il ritmo lento delle cose improbabili

Spesso le cose non sono impossibili solo perché ci appaiono difficili… molto spesso sono difficili solo perché hanno bisogno di più tempo… per diventare possibili… Quante volte ci siamo trovati impantanati, bloccati da impedimenti che non ci permettevano di raggiungere il nostro obiettivo? Come mai, in quei frangenti, abbiamo avuto la sensazione che avesse ragione chi ci consigliava di rinunciare perché sarebbe stato impossibile ottenere ciò che volevamo? Perché, se era davvero tanto impossibile perseguire quel proposito, continuavamo a sentire una forte energia che ci spingeva a non rinunciare bensì a resistere e superare gli ostacoli? Quando ci poniamo un obiettivo, quello verso cui tendiamo in modo quasi naturale come se fosse impossibile resistere a quell’impulso che ci suggerisce di cominciare a percorrere quella specifica strada, abbiamo bene in mente anche il modo per raggiungere la meta e non prendiamo in considerazione tutto ciò che dall’inizio del cammino può ostacolare…

Continua a leggere

Ancora qui, ancora noi

Ancora qui, ancora noi

Nel continuo dinamismo della nostra vita… tutto ciò di cui abbiamo bisogno in fondo… è di incontrare qualcuno che resti… Esistono strane coincidenze, o quanto meno questo è il nome che inizialmente sentiamo di potergli dare, che ci conducono inaspettatamente verso qualcuno con cui percepiamo una sensazione unica, mai sperimentata prima, come se incrociando il suo sguardo in qualche modi ci sembrasse di riconoscerlo pur senza averlo mai incontrato. Ovviamente non riusciamo a non tuffarci dentro quella conoscenza che sembra essere scritta nel destino e che, lo sappiamo fin dall’inizio, segnerà indelebilmente la nostra esistenza; tuttavia le esperienze precedenti frenano lo slancio spontaneo che nasce istintivamente, e così tentiamo di ridimensionare le emozioni e le sensazioni facendo rientrare quella frequentazione nei parametri più ordinari delle altre che abbiamo vissuto. La paura di entrambi ci induce ad aver bisogno di mantenere un controllo su qualcosa che continua a voler sfuggire a ogni…

Continua a leggere

Il sogno dimenticato

Il sogno dimenticato

Le persone che rinunciano a un sogno… sono le stesse che segretamente continueranno a domandarsi… come sarebbe andata se lo avessero inseguito… Entrare nella dimensione dell’essere adulti ci costringe a razionalizzare gli eventi e gli obiettivi sulla base di quelle che sono le nostre capacità e possibilità di poterli raggiungere; in questa presa d’atto dei limiti e dei punti di forza tendiamo ad accomodarci all’interno di una zona sicura, un ambito che riteniamo facilmente ottenibile e che ci conduce vero un’indipendenza e un’autonomia che siamo convinti sia sufficiente a farci sentire realizzati. Tuttavia, nel proseguire il percorso di vita, di quotidianità e di convivenza con l’iniziale sensazione di libertà regalata da quell’appagamento economico che tanto avevamo atteso, lentamente cominciamo a realizzare che forse vorremmo qualcosa di più, una dimensione che ci faccia sentire più completi, più soddisfatti di noi stessi per aver realizzato qualcosa di inconfessato ma che ha sempre…

Continua a leggere
1 2 3 23