Oltre la tempesta

Oltre la tempesta

A volte è necessario mostrare il peggio di noi… per capire se l’altro è la persona giusta… a cui dare tutto il nostro meglio… La maggior parte delle persone tende, all’inizio di una relazione, a dare il meglio di sé perché crede che sia indispensabile mostrare gli aspetti di cui l’altro si può innamorare con maggiore facilità. Ecco dunque che la dolcezza, la tenerezza, l’eleganza e le buone maniere tendono a essere espresse in maniera persino esagerata, proprio per incantare, ammaliare e rubare il cuore dell’oggetto dei loro sforzi. Ovviamente tutti i difetti, i lati più bui, gli spigoli più acuti, la parte debole, devono necessariamente essere ben nascosti per non rischiare che l’altro si spaventi e indietreggi. Assumendo un atteggiamento del genere rischiamo però di dare un’immagine distorta di ciò che siamo in realtà perché la nostra vera essenza uscirà fuori, prima o poi, lasciando la persona che aveva…

Continua a leggere

Solo tu fra tanti

Solo tu fra tanti

Il giorno in cui la nostra vera essenza… si sentirà libera di uscire alla luce… sarà lo stesso in cui scopriremo perché prima… aveva voluto restare nell’ombra… Nel corso delle vicissitudini in cui ci imbattiamo, quelle che da un lato ci permettono di crescere, conoscerci, maturare, ma dall’altro ci costringono a modificare alcune parti di noi e a innalzare barriere a difesa della nostra fragilità interiore, vorremmo a volte avere quella rara capacità di capire subito con chi abbiamo a che fare, che tipo di persona ci troviamo davanti. Tuttavia questo non è possibile, soprattutto nel momento in cui siamo emotivamente coinvolti al punto di perdere quel minimo di razionalità che ci sostiene e che abbiamo costruito grazie alle esperienze passate. Dunque impariamo a costruire una maschera dietro la quale diventa necessario celare il lato morbido, quello che sarebbe più esposto, più facilmente a rischio di ferite, qualora lo manifestassimo…

Continua a leggere

Poco a poco

Poco a poco

È molto meglio aspettare per conquistare lentamente ciò che vogliamo… piuttosto che voler correre e rischiare di perderlo… per aver affrettato i tempi… Capita all’improvviso di imbatterci in una situazione che mai avremmo immaginato esistesse, una di quelle rare occasioni in cui tutto ciò che avevamo creduto non fosse reale, perché fino a quel momento ne avevamo solo sentito parlare, accade proprio a noi. Quando si verificano questi incontri magici, ci sentiamo disorientati, storditi quasi, e non siamo assolutamente capaci di gestire la marea di emozioni che ci travolge. Da un lato infatti ci sentiamo come se conoscessimo l’altro da sempre, dall’altro tuttavia è innegabile che di fatto non ne possiamo comprendere le varie sfumature che solo una frequentazione di più lunga durata può portarci a scoprire. Eppure non siamo in grado di mettere un freno agli eventi che si susseguono rapidi e che travolgono, noi e l’altro, come se…

Continua a leggere

Storia di noi

Storia di noi

In bilico tra ciò che eravamo… e ciò che vogliamo essere… l’unica via che possiamo percorrere… è quella del continuare a diventare… Ogni bivio, ogni strada che scegliamo di percorrere nel corso della nostra esistenza, determinano una mutazione, un cambiamento nel punto di vista delle cose, nel modo di affrontare un nuovo cammino, nella prospettiva attraverso la quale guardiamo noi stessi. Questo perché le modificazioni, le esperienze vissute, le persone che incontriamo in quei percorsi, generano quelle piccole variazioni di cause ed effetti che inevitabilmente si azionano nel confronto con qualcuno, o qualcosa, che non appartiene alla sfera e alle esperienze precedenti. Certo, a volte accettare il cambiamento è difficile, avremmo voglia di resistere, di opporci a ciò che sappiamo non dipendere da una nostra scelta, anzi spesso la nostra reazione è talmente di difesa da generare un conflitto interiore che ci impedisce di guardare le cose con lucidità. Eppure…

Continua a leggere

Il senso dell’anima

Il senso dell’anima

Spesso le emozioni corrono più veloci della razionalità… e così tiriamo il freno cercando di dare un senso… a ciò che non potrà mai avere alcuna logica… Molti di noi nel corso del tempo e delle esperienze, hanno sviluppato una particolare tendenza a far rientrare ogni cosa che accade all’interno di uno schema predeterminato che permette di far diventare tutto più facilmente gestibile. Ora, se è vero che questo tipo di atteggiamento è tipico delle persone forti che hanno bisogno di avere sempre lo scettro del comando della propria esistenza, e che non accettano di sentirsi in balìa di eventi che non possono governare, è altrettanto innegabile che sviluppano una tendenza al controllo che spesso impedisce loro di lasciarsi davvero andare. O di essere capaci di vivere emozioni profonde. Questa categoria di persone tende a incontrare più spesso la tipologia opposta, cioè quegli individui i quali, spaventati dall’idea di prendere…

Continua a leggere

Nella memoria del tempo

Nella memoria del tempo

A volte il contatto con il passato… è necessario a liberarci e a capire meglio… un presente apparentemente simile eppure completamente diverso… Quando abbiamo a che fare con un passato ingombrante, che ci siamo lasciati alle spalle con molta fatica e notevoli sforzi, può succedere che ciò che è accaduto ci segni molto di più di quanto ci rendiamo conto, o di quanto siamo disposti ad ammettere con noi stessi. La realtà è che è molto più semplice, dopo essere usciti dal periodo buio, cercare di buttarci tutto alle spalle senza mai voltarci indietro, perché l’unica cosa che desideriamo è guardare avanti e ricominciare un nuovo percorso. Ci sentiamo pronti a dare una svolta diversa, ci diciamo assolutamente liberi da quei trascorsi che hanno segnato la strada precedente, e certi di non ripetere mai più gli stessi errori. Siamo anche convinti di essere capaci di guardare al nuovo senza lo…

Continua a leggere

Ciò che l’orgoglio non dice

Ciò che l’orgoglio non dice

Nella maggior parte dei casi se una persona ci ferisce… non è perché vuole colpire noi… è perché ha bisogno di difendere se stessa… Le relazioni interpersonali divengono più complicate man mano che il nostro bagaglio di esperienze si riempie di episodi, di situazioni passate, di incontri e di scontri che ci hanno lasciato in bocca l’amaro della perdita, dell’illusione infranta, dell’insicurezza che inevitabilmente deriva da qualcosa che ci è scivolato via dalle mani pur avendolo voluto trattenere con tutte le forze. Dunque, una volta che ci siamo rialzati, ripresi dal vuoto di una fine, e ricominciamo a tentare di rimetterci in gioco, sappiamo di dover procedere molto più cauti, per proteggere quelle ferite ancora sanguinanti, per far sì che non si verifichi di nuovo quanto abbiamo appena visto finire. Questo è un comportamento comune a tutti gli individui che hanno una storia alle spalle, un trascorso di vita che,…

Continua a leggere

Avrò cura di te

Avrò cura di te

La parte più difficile non è far nascere qualcosa… la parte più difficile è nutrirla quotidianamente… se vogliamo che continui a vivere… Viviamo nella società dei nuovi inizi: un nuovo lavoro, una nuova città, una nuova nazione, dei nuovi amici, un nuovo partner. Questo perché nella dinamicità contemporanea il cambiamento è un imperativo, il non restare statici un diktat, il non fermarci mai una condizione imprescindibile per la crescita personale. Dunque spesso andiamo avanti senza guardarci indietro – atteggiamento sano nel caso in cui il passato potrebbe incatenarci bloccando la nostra evoluzione ma al contrario deleterio qualora sia un modo per dimenticare o far sparire blocchi e dolori che così non verranno mai risolti -, lasciando alle nostre spalle persone, emozioni, legami che restano lì sospesi tra uno ieri in cui c’eravamo e un oggi in cui abbiamo deciso di non esserci più. Ecco quindi che, in questo automatismo esistenziale,…

Continua a leggere

Quando tutto si svela

Quando tutto si svela

L’intuito è quel filo invisibile… che lega l’impercettibile al possibile… fino a muovere le corde della razionalità… Dopo tanto tempo trascorso a razionalizzare tutto, a cercare di dare un senso logico alle cose che accadono, a tentare di guardare i fatti da una prospettiva analitica necessaria a noi per comprendere il corso degli eventi, ci troviamo improvvisamente a guardare indietro e riconoscere che c’era sempre stato un dettaglio, un’ombra, un campanello d’allarme che abbiamo ignorato, che aveva tentato di avvisarci dell’esistenza di un qualcosa di diverso da ciò che vedevamo, ascoltavamo, vivevamo. A volte quel segnale inascoltato era stato uno sguardo sfuggente davanti a una nostra domanda, altre una frase scivolata in modo involontario che racchiudeva molte altre parole non pronunciate e quesiti che non abbiamo avuto la prontezza di porre, altre ancora un atteggiamento, un comportamento, completamente in contrasto con ciò su cui venivamo rassicurati. Non eravamo consapevoli che…

Continua a leggere

Puoi fidarti di me

Puoi fidarti di me

Chi non pensa di dover fare molto… per conquistare la nostra fiducia… non crederà di dover fare niente… quando saprà di averla persa… Nel tempo abbiamo appreso a dare fiducia con molta parsimonia, e non perché di natura siamo persone sospettose o diffidenti, quanto perché le esperienze del passato ci hanno indotti a non lasciarci incantare da meravigliose parole se non sono confermate e supportate dai fatti. Può esserci capitato di aver fortemente creduto in qualcuno che ha approfittato della nostra ingenuità emotiva, tradendo le nostre aspettative e usando la nostra innata predisposizione a credere come scudo per poter indietreggiare e giocare al gatto col topo, solo per difendere se stesso dalla paura di coinvolgersi troppo. Oppure possiamo aver incontrato sul nostro cammino persone che nascondevano la verità per pura e semplice abitudine a mentire, o a non rivelare nulla si sé, inducendoci a voler scoprire cosa si nascondesse dietro…

Continua a leggere
1 2 3 4 12