Meglio restare qui

Meglio restare qui

L’abitudine è quella calda coperta con cui ci avvolgiamo… quando abbiamo troppo timore di aprire una porta… che potrebbe farci trascinare via dal vivace vento dell’imprevisto… Quante volte davanti a un bivio abbiamo deciso di percorrere la strada che ci sembrava più sicura, meno incerta? In quante innumerevoli occasioni abbiamo preferito non scegliere piuttosto che prenderci la responsabilità di fare un salto verso ciò che avrebbe potuto condurci a vivere una realtà diversa e forse più appagante dell’attuale? Perché è più facile adeguarci, e spesso accontentarci, di ciò che abbiamo anziché spingerci oltre la zona sicura per cercare di raggiungere un risultato diverso e potenzialmente più gratificante? Nel corso della nostra evoluzione personale, quel cammino complesso che ci conduce alla maturazione e alla delineazione delle nostre caratteristiche di adulti, possiamo esserci trovati ad avere a che fare con momenti nei quali abbiamo ottenuto ciò che desideravamo ma anche con molti…

Continua a leggere

Irrinunciabile

Irrinunciabile

Accade che la poesia di un attimo… riecheggi nel ricordo per tutta una vita… e accade che per tutta una vita… aspettiamo di rivivere la poesia di quell’attimo… Spesso i battiti emotivi di ciò che è stato, in un passato più o meno recente, riecheggiano dentro di noi talmente a lungo da risultare indimenticabili; questo può valere sia nel caso in cui si sia persa la persona con cui quei momenti sono stati condivisi, sia quando invece, pur avendo intrapreso un cammino comune, può accadere che si creino distanze attribuibili alla routine, al darsi reciprocamente per scontati, alla mancanza di stimolo a conquistare e tenere vivo qualcosa che è già lì, ci appartiene da tempo e dunque non richiede energie che possiamo impiegare in altro. In questo secondo caso spesso le due parti si guardano senza vedersi, credono di comunicare senza parlarsi e si concentrano su tutto ciò che è…

Continua a leggere

Quella voce sottile

Quella voce sottile

Esistono verità nascoste e verità rivelate… e poi esistono quelle che continuano a galleggiare nella nostra anima… nonostante cerchiamo di ignorarle… Confrontandoci con la realtà esterna, quel groviglio di episodi, individui e circostanze che affollano la nostra complessa esistenza ma in virtù dei quali sarebbe impensabile riuscire a formare una struttura adulta su cui possiamo costruire nuove consapevolezze e continuare a progredire, confrontandoci con quella realtà dicevo, non possiamo fare a meno di realizzare quanto nascondersi sia quasi un imperativo della società contemporanea. Come se non fosse sufficiente mantenere una riservatezza dovuta a noi stessi per tutelare una fragilità interiore e una delicatezza che potrebbero essere facilmente ferite, come se fosse necessario racchiudere dentro di noi, senza rivelare alle persone con cui ci confrontiamo, modi di essere, di pensare, di vedere le cose e, soprattutto sensazioni e sentimenti che mai vorremmo fossero scoperti. In altri casi addirittura giungiamo a tenere…

Continua a leggere

Azioni, reazioni e altre scelte

Azioni, reazioni e altre scelte

Le situazioni e le dinamiche saranno sempre le stesse… finché le nostre reazioni non saranno diverse… generando così un esito del tutto nuovo… Il nostro comportamento adulto si forma sulla base non solo delle nostre naturali inclinazioni bensì anche nel relazionarci con il mondo esterno grazie al quale apprendiamo, e comprendiamo, con quali caratteristiche possiamo avere a che fare e quali invece riteniamo intollerabili al punto di generare reazioni sopra le righe e con cui preferiamo non doverci misurare. Certo, il percorso di approfondimento e di conoscenza di noi stessi è lungo e complesso proprio perché spesso ci induce a imbatterci esattamente nelle situazioni che dovremmo evitare, un po’ in virtù dell’attrazione che le complicazioni esercitano e un po’ a causa dell’incapacità di riconoscere tutti i possibili risvolti quando le emozioni sono coinvolte. Eccoci dunque a doverci confrontare con persone e situazioni che, se da un lato hanno la capacità…

Continua a leggere

Se tornassi indietro…

Se tornassi indietro…

Il brutto di ogni cosa che è accaduta… è che non può essere cambiata… il bello di ciò che non può essere cambiato… è che costituisce un’importate esperienza da cui ripartire… Quante volte ci siamo trovati a desiderare di poter rivivere un episodio di cui, a posteriori, avremmo voluto cambiare le dinamiche e, di conseguenza, il suo epilogo? E quante altre avremmo voluto riportare indietro il tempo al momento in cui abbiamo effettuato una scelta di cui ci siamo pentiti? Perché siamo convinti che l’opzione a cui abbiamo deciso di rinunciare per preferirle un’altra nel frangente vissuto, sia sempre la migliore? Tutto ciò che viviamo, ogni esperienza, qualunque episodio, contribuisce a costituire, e costruire, la nostra personalità che si rafforza e si consolida sulla base delle esperienze e di come ci siamo posti noi nel corso di quelle inevitabili circostanze. Il modo in cui abbiamo affrontato gli ostacoli e gli…

Continua a leggere

Prova a prendermi

Prova a prendermi

Le persone che scappano di più… non sono quelle che vogliono essere inseguite… le persone che scappano di più… sono quelle che hanno bisogno di sentire di voler tornare… ancora e ancora… Nel fitto groviglio di persone e di individui che incrociano la nostra esistenza come se essa stessa fosse una costante porta scorrevole dalla quale assistiamo a un via vai che da un lato ci rende confusi ma dall’altro ci stimola a proseguire l’affascinante cammino della vita, possiamo trovarci ad avere a che fare con qualcuno che mette sistematicamente in atto una dinamica di fuga in virtù della quale ci sentiamo destabilizzati e confusi. Eppure in qualche modo ce ne sentiamo affascinati, motivati a comprendere cosa si nasconda dietro quel loro atteggiamento, quell’esigenza di allontanarsi dopo essere venuti verso di noi; più ancora ciò che ci lascia sbalorditi è la successiva tendenza a tornare sui loro passi e riavvicinarsi…

Continua a leggere

Vado via per un po’

Vado via per un po’

Il modo migliore per perdersi spesso… è cercare di trovarsi… così come il modo migliore per trovarsi… è quello di decidere di perdersi… Nella società contemporanea ogni incontro, ogni rapporto interpersonale sembra inspiegabilmente complicarsi, dopo i primi approcci idilliaci e piacevoli, e generare una serie infinita di incomprensioni che difficilmente riescono a trovare una risoluzione. Ciò è probabilmente dovuto alla fretta con la quale tendiamo ad approcciare l’altro, certi di poter intuire velocemente cosa davvero sta cercando di sottintendere, ma anche alla mancanza di reale ascolto e attenzione a tutto ciò che in qualche modo è esterno a noi, incapaci in fondo di osservare la realtà da un punto di vista più empatico, senza valutarla attraverso il filtro del nostro comportamento e delle nostre peculiarità caratteriali bensì comprendendo le azioni e le reali intenzioni di chi non può che essere diverso da noi solo per il fatto di essere un…

Continua a leggere

Nel fiume del tempo

Nel fiume del tempo

Spesso il senso delle cose accadute… risiede esattamente nella ricerca di quanto ciò che è accaduto… abbia avuto un senso… Può capitare, nel corso di quel complicato e imprevedibile ottovolante che è la nostra esistenza, di imbatterci in episodi e circostanze inattesi e molto spesso decisamente destabilizzanti rispetto a ciò che avevamo scelto o pianificato, in alcuni casi apparentemente peggiori mentre in altri invece decisamente migliorativi. Questo almeno è ciò che deduciamo poco dopo che quegli eventi si sono verificati sebbene non siamo in grado di prevedere quale sarà la direzione che, a seguito di quella deviazione, prenderemo, quali saranno gli effetti a lungo termine e quanto ci distanzieranno dagli obiettivi e dal cammino precedentemente intrapreso. Ovviamente nel caso di avvenimenti positivi e piacevoli ci riesce molto più facile accoglierne i risvolti e le implicazioni poiché sembrano essere un vero e proprio aiuto, un colpo di fortuna che addirittura spesso…

Continua a leggere

Come ti chiami?

Come ti chiami?

La fretta di dare un nome o una definizione a qualcosa… ci impedisce di assaporare il tempo… nel quale lentamente evolve prendendo la sua forma… Molto spesso nel vivere contemporaneo ci lasciamo prendere dal ritmo accelerato di un mondo che sembra correre in avanti e nel quale sia necessario avere tutto sotto controllo, tutto ben definito, perché in fondo è rassicurante sapere che ogni tassello è ordinatamente al proprio posto, all’interno di uno spazio ben delimitato in cui muoverci senza il timore dell’incerto. Questa tendenza diventa una nostra seconda pelle a tal punto da indurci a credere che qualsiasi persona con cui abbiamo a che fare abbia il nostro medesimo punto di vista, quello apparentemente più comune o, in ogni caso, quello che ci consente di non dover procedere per tentativi, di non impiegare tempo prezioso nel dover comprendere ciò che si presenta come indefinito, non catalogabile, non rispondente a…

Continua a leggere
1 2 3 44