Nella memoria del tempo

Nella memoria del tempo

A volte il contatto con il passato… è necessario a liberarci e a capire meglio… un presente apparentemente simile eppure completamente diverso… Quando abbiamo a che fare con un passato ingombrante, che ci siamo lasciati alle spalle con molta fatica e notevoli sforzi, può succedere che ciò che è accaduto ci segni molto di più di quanto ci rendiamo conto, o di quanto siamo disposti ad ammettere con noi stessi. La realtà è che è molto più semplice, dopo essere usciti dal periodo buio, cercare di buttarci tutto alle spalle senza mai voltarci indietro, perché l’unica cosa che desideriamo è guardare avanti e ricominciare un nuovo percorso. Ci sentiamo pronti a dare una svolta diversa, ci diciamo assolutamente liberi da quei trascorsi che hanno segnato la strada precedente, e certi di non ripetere mai più gli stessi errori. Siamo anche convinti di essere capaci di guardare al nuovo senza lo…

Continua a leggere

Quando tutto si svela

Quando tutto si svela

L’intuito è quel filo invisibile… che lega l’impercettibile al possibile… fino a muovere le corde della razionalità… Dopo tanto tempo trascorso a razionalizzare tutto, a cercare di dare un senso logico alle cose che accadono, a tentare di guardare i fatti da una prospettiva analitica necessaria a noi per comprendere il corso degli eventi, ci troviamo improvvisamente a guardare indietro e riconoscere che c’era sempre stato un dettaglio, un’ombra, un campanello d’allarme che abbiamo ignorato, che aveva tentato di avvisarci dell’esistenza di un qualcosa di diverso da ciò che vedevamo, ascoltavamo, vivevamo. A volte quel segnale inascoltato era stato uno sguardo sfuggente davanti a una nostra domanda, altre una frase scivolata in modo involontario che racchiudeva molte altre parole non pronunciate e quesiti che non abbiamo avuto la prontezza di porre, altre ancora un atteggiamento, un comportamento, completamente in contrasto con ciò su cui venivamo rassicurati. Non eravamo consapevoli che…

Continua a leggere

Puoi fidarti di me

Puoi fidarti di me

Chi non pensa di dover fare molto… per conquistare la nostra fiducia… non crederà di dover fare niente… quando saprà di averla persa… Nel tempo abbiamo appreso a dare fiducia con molta parsimonia, e non perché di natura siamo persone sospettose o diffidenti, quanto perché le esperienze del passato ci hanno indotti a non lasciarci incantare da meravigliose parole se non sono confermate e supportate dai fatti. Può esserci capitato di aver fortemente creduto in qualcuno che ha approfittato della nostra ingenuità emotiva, tradendo le nostre aspettative e usando la nostra innata predisposizione a credere come scudo per poter indietreggiare e giocare al gatto col topo, solo per difendere se stesso dalla paura di coinvolgersi troppo. Oppure possiamo aver incontrato sul nostro cammino persone che nascondevano la verità per pura e semplice abitudine a mentire, o a non rivelare nulla si sé, inducendoci a voler scoprire cosa si nascondesse dietro…

Continua a leggere

Provaci ancora

Provaci ancora

Una seconda opportunità… dovrebbe essere un indelebile promemoria… di come abbiamo perso la prima…  Per qualche strano motivo esistono persone con cui, pur sapendo perfettamente che sarebbe molto meglio chiudere definitivamente, non riusciamo a spezzare quel sottile legame che ci lega a loro. E ci arrabbiamo quasi con noi stessi perché nonostante le loro colpe siano le stesse che non abbiamo perdonato a nessun altro, quelle per cui non avevamo concesso alcun appello in precedenza, non possiamo fare a meno di essere indulgenti. Ci hanno mancato di rispetto, hanno tradito la nostra fiducia – senza voler estremizzare il significato dei termini non necessariamente riferiti a più o meno confessabili tradimenti fisici – e questo, per il nostro modo di vedere un legame, una relazione, è quanto di peggio potessero farci. La fiducia, la confidenza, l’intimità, sono alla base di un rapporto degno di questo nome, che sia orientato all’edificazione, mattone…

Continua a leggere