Avrò cura di te

Avrò cura di te

La parte più difficile non è far nascere qualcosa… la parte più difficile è nutrirla quotidianamente… se vogliamo che continui a vivere… Viviamo nella società dei nuovi inizi: un nuovo lavoro, una nuova città, una nuova nazione, dei nuovi amici, un nuovo partner. Questo perché nella dinamicità contemporanea il cambiamento è un imperativo, il non restare statici un diktat, il non fermarci mai una condizione imprescindibile per la crescita personale. Dunque spesso andiamo avanti senza guardarci indietro – atteggiamento sano nel caso in cui il passato potrebbe incatenarci bloccando la nostra evoluzione ma al contrario deleterio qualora sia un modo per dimenticare o far sparire blocchi e dolori che così non verranno mai risolti -, lasciando alle nostre spalle persone, emozioni, legami che restano lì sospesi tra uno ieri in cui c’eravamo e un oggi in cui abbiamo deciso di non esserci più. Ecco quindi che, in questo automatismo esistenziale,…

Continua a leggere

Irresistibile follia

Irresistibile follia

Il giorno in cui tenteremo di spiegare o capire un’emozione… sarà lo stesso in cui scopriremo che l’unica cosa che è possibile fare… è lasciarci avvolgere… Nell’età adulta ci siamo abituati a razionalizzare, dare un senso logico, a tutto ciò che ci succede; questo perché è rassicurante far rientrare ogni cosa dentro una spiegazione, dentro uno schema che ci fa sentire protetti dall’incognita, e anche perché in fondo è così che bisogna essere da adulti, equilibrati, solidi, disillusi ma stabili. Questa convinzione genera in molti di noi chiusure, blocchi, barriere nei confronti di tutto ciò che potrebbe mettere in discussione quell’equilibrio faticosamente raggiunto, freni emotivi nel lasciarci andare all’imprevisto, a ciò che non è stato prestabilito, a tutte quelle occasioni che ci si presentano inaspettate e che ci danno un forte scossone vissuto come una minaccia. Certo, spesso la reazione è un baluardo a protezione di un’emotività che porta con…

Continua a leggere

Rosa del deserto

Rosa del deserto

Un’emozione non ha spiegazioni… non ha motivi e non ha ragioni… lei nasce spontanea anche dentro un deserto… si nutre solo di sabbia e vive… Quante volte ci è successo di credere di aver dimenticato un particolare momento della nostra vita ma poi improvvisamente è riemerso? Come mai siamo stati tanto sicuri di aver superato in modo definitivo un distacco o la fine di qualcosa, salvo poi sorprenderci a pensarci quando meno ce lo saremmo aspettato? Perché tutto ciò di cui non ricordavamo più i dettagli si manifesta dal nulla travolgendoci di nuovo con un’intensità che mai avremmo immaginato di ricevere da un passato superato? Molto spesso tendiamo ad allontanare le sensazioni forti che, belle o brutte che siano state, ci hanno in ogni caso dato un incredibile scossone emotivo ma che poi, per vari motivi, abbiamo dovuto chiudere all’interno del quaderno del non più per poter iniziare la nuova…

Continua a leggere

Ti porto con me

Ti porto con me

Il bello della vita è che trova sempre il modo… di lasciarci sulla pelle il profumo dei ricordi… anche se siamo immersi nel vento fresco delle novità… Esistono dei momenti molto particolari nella nostra esistenza, quelli in cui dobbiamo, o vogliamo, rimetterci in gioco, affrontare un radicale cambiamento e rivoluzionare tutto ciò che fino a poco prima costituiva la nostra realtà; in quelle particolari fasi siamo talmente concentrati su ciò che sta per accadere, e che genererà uno stravolgimento delle nostre abitudini, dei luoghi che vedremo, delle persone con cui ci interfacceremo, da dimenticare, come se non volessimo portarci dietro alcuna zavorra, tutto ciò che invece aveva costituito la nostra vita fino a poco prima. Presi dall’entusiasmo di ciò che succederà, perché abbiamo imparato con l’esperienza che ogni cambiamento implica un positivo spostamento energetico che apre porte inaspettate e ci può far trovare davanti a sorprese inattese e impensate, preferiamo…

Continua a leggere

Quel sottile filo

Quel sottile filo

L’essenza di ciò che siamo… si rivela nell’intensità dei rapporti che abbiamo costruito… con persone con cui abbiamo scelto di mostrarci davvero… Nel continuo via vai di quella che è diventata la vita contemporanea, dove tutti si muovono continuamente come una lunga onda oceanica verso città, paesi, posizioni completamente differenti da quelli iniziali, quelli in cui si è cresciuti e si pensava di restare, si tende a dare forse minore importanza ai rapporti umani. Questo in virtù dell’innegabile connotazione di temporaneità che le relazioni interpersonali hanno: c’è chi va a perfezionare gli studi dall’altra parte del mondo, chi fa un’esperienza di lavoro che in principio pensa sia temporanea ma che poi si trasforma in qualcosa di più stabile, chi si innamora durante una vacanza e, grazie alla globalizzazione delle comunicazioni che hanno reso la distanza un concetto completamente relativo, sceglie di rivoluzionare la propria vita lasciando le proprie origini per…

Continua a leggere