Quelle pause del cuore

Quelle pause del cuore

L’immobilità emotiva è tanto più lunga… quanto più forte è stato il coinvolgimento… con il qualcuno che abbiamo dovuto dimenticare… Esistono momenti particolari del nostro percorso di vita emotiva, fasi lunghe e complicate necessarie non solo a comprendere noi stessi ma anche tutto ciò che è accaduto con qualcuno che ha inevitabilmente lasciato un profondo segno dentro la nostra fragile e delicata interiorità. Spesso lasciar andare un’emozione che ci ha scaldato l’anima per tanto, o anche per poco perché in realtà la durata è inconsistente se soppesata in base all’intensità del vissuto, è un processo complesso che richiede grandi sforzi di autocontrollo per non cedere e tornare verso ciò da cui siamo stati costretti ad allontanarci. Quando ci confrontiamo con i nuovi noi che hanno bisogno di adattarsi a convivere con il vuoto lasciato dalla persona che era stata tanto importante, realizziamo quanto sia difficile riuscire a voltare pagina, perché…

Continua a leggere

Ballando al buio

Ballando al buio

L’abbraccio che ricordiamo di più… è l’ultimo dentro cui ci siamo abbandonati… senza sapere che non ve ne sarebbe stato un altro… A volte ci imbattiamo in situazioni talmente particolari da non aver tempo di renderci conto di cosa succede, come se vivessimo in una realtà parallela di cui sappiamo di essere protagonisti pur sentendoci quasi come spettatori, tanto ne sono imprevedibili le dinamiche persino a noi stessi. Sono quegli incontri particolari, travolgenti, unici, dentro cui ci troviamo mani e piedi, con la sensazione di essere risucchiati nel loro vortice, senza capire quale momento ne abbia segnato l’inizio. Nel momento in cui le viviamo ce ne sentiamo completamente coinvolti, con un’intensità che raramente abbiamo provato in precedenza, con la sensazione di trovarci di fronte a quell’unico guerriero che ha saputo aspettarci tanto a lungo, certo che prima o poi, in qualche parte del mondo, ci avrebbe trovati. Noi siamo portati…

Continua a leggere

Solchi di memoria

Solchi di memoria

A volte il ricordare… ci riporta alla memoria il perché… avevamo voluto dimenticare… Quando il nostro equilibrio cresce e diamo molta più importanza al sentirci bene interiormente che non ad avere, o trattenere, qualcuno che non ci rendeva più felici, sappiamo che le rinunce compiute, le decisioni prese, erano orientate a intraprendere una strada diversa, un cammino grazie al quale ci saremmo sentiti più a nostro agio, più noi stessi. Capita che nella dinamica di alcune relazioni si crei uno squilibrio tra le due parti, non tanto perché la bilancia del dare e dell’avere debba necessariamente essere alla pari altrimenti è giusto chiudere il rapporto, quanto perché uno dei due si sente, senza necessariamente esserlo, la parte più debole. In questi casi, che a periodi alterni possono far parte della vita relazionale di ognuno di noi, la dissonanza si crea tra chi può liberamente esprimere la propria essenza, il proprio…

Continua a leggere