Ciò che l’orgoglio non dice

Ciò che l’orgoglio non dice

Nella maggior parte dei casi se una persona ci ferisce… non è perché vuole colpire noi… è perché ha bisogno di difendere se stessa… Le relazioni interpersonali divengono più complicate man mano che il nostro bagaglio di esperienze si riempie di episodi, di situazioni passate, di incontri e di scontri che ci hanno lasciato in bocca l’amaro della perdita, dell’illusione infranta, dell’insicurezza che inevitabilmente deriva da qualcosa che ci è scivolato via dalle mani pur avendolo voluto trattenere con tutte le forze. Dunque, una volta che ci siamo rialzati, ripresi dal vuoto di una fine, e ricominciamo a tentare di rimetterci in gioco, sappiamo di dover procedere molto più cauti, per proteggere quelle ferite ancora sanguinanti, per far sì che non si verifichi di nuovo quanto abbiamo appena visto finire. Questo è un comportamento comune a tutti gli individui che hanno una storia alle spalle, un trascorso di vita che,…

Continua a leggere

Dammi solo un minuto

Dammi solo un minuto

Nessuno sbaglio sarà mai tanto grande… quanto la scelta di non combattere… per qualcuno a cui dovevamo solo chiedere scusa… Abbiamo inciampato, siamo caduti e ci siamo rimessi in piedi talmente tante volte che ormai non le contiamo più; tra questi alti e bassi abbiamo compreso che gli sbagli, quelli grandi sicuramente in modo più significativo di quelli piccoli, ci sono stati provvidenziali per crescere, imparare, modificare anche a fatica qualcosa di noi che non andava bene, o che non era più adeguato al punto in cui ci trovavamo. Anche nel confronto con gli altri abbiamo appreso che un attento ascolto ci porta a scoprire le ragioni che la nostra ragione, quella che segue il filo logico strettamente personale che appartiene a noi e a nessun altro, non può afferrare se non osservando tutto da un punto di vista differente e a volte opposto. In tutto questo ascoltare gli altri…

Continua a leggere