Complementarità

Complementarità

Non esiste la persona perfetta… esiste un’unica persona imperfetta… i cui difetti sono perfettamente complementari ai nostri… e riconoscendoli ci troviamo a sorridere… In quella girandola di incontri che contraddistingue la nostra esistenza, quel cammino esplorativo in virtù del quale comprendiamo meglio noi stessi tanto quanto le persone con cui entriamo in contatto, differenti e sfaccettate quanto in fondo lo siamo noi nella fase in cui non abbiamo raggiunto la consapevolezza e l’equilibrio che ci consentirebbe di conoscerci a fondo, cominciamo a generare uno spartiacque, o meglio a farci un’idea ben precisa dell’ideale che vorremmo trovare, di quell’essere perfetto con cui potremmo sicuramente essere felici. Tuttavia non abbiamo ancora affinato quell’intuito grazie al quale sia possibile riconoscere con facilità le caratteristiche con le quali non siamo in grado di convivere perché troppo distanti dal nostro modo di osservare la realtà, di concepire l’esistenza e di sognare un futuro in armonia….

Continua a leggere

Il non luogo che non c’era

Il non luogo che non c’era

La persona giusta non è quella che arriva e cambia il nostro mondo… la persona giusta è quella che entra nel nostro mondo e ci permette di entrare nel suo… e poi costruisce un luogo in cui i rispettivi mondi si uniscono… Le abitudini di vita sulle quali costruiamo la nostra esistenza si radicalizzano man mano che cresciamo e ci abituiamo a condurre tutto in base alle nostre esigenze, alla nostra volontà di dedicarci a un settore specifico piuttosto che a un altro; questo soprattutto nel momento in cui preferiamo percorrere un percorso in solitaria oppure uno in cui decidiamo di non dare a un rapporto stabile la priorità nella nostra vita. I motivi di quest’ultima scelta possono essere molteplici e variegati, dalla disillusione nei confronti delle emozioni alle esperienze precedenti in cui ci eravamo sentiti soffocati nella nostra libertà d’azione, dalla decisione di concentrarci esclusivamente sulla crescita professionale alla…

Continua a leggere

Qualcosa di meglio

Qualcosa di meglio

Il giorno in cui avremo ben chiaro cosa vogliamo… coinciderà con quello in cui sceglieremo di non accettare… tutto ciò che non gli corrisponda… I compromessi che abbiamo accettato nel nostro passato emotivo, quelli che al momento ci sembravano la scelta giusta per trattenere a noi una persona che credevamo fortemente fosse l’unica che sentivamo di volere, hanno segnato delle svolte fondamentali per comprendere noi stessi e il tipo di relazione che volevamo avere nella nostra vita, la più adatta alle nostre caratteristiche e ai nostri bisogni interiori. Tuttavia per costruire la consapevolezza adulta che sentiamo di avere oggi, abbiamo dovuto procedere per tentativi, provare varie sfumature che, di volta in volta, ci hanno aiutati a comprendere verso quale tipo di storia sentimentale dovevamo orientarci per sentirci più a nostro agio. Non è stato affatto semplice compiere un percorso di conoscenza e di approfondimento, soprattutto nella fase in cui sapevamo…

Continua a leggere

Non guardarmi, ascoltami

Non guardarmi, ascoltami

Nella maggior parte dei casi… gli altri non ci vedono per come siamo… nella maggior parte dei casi gli altri… vedono solo l’idea che si sono fatti di noi… La società contemporanea sembra correre in avanti a ritmi talmente incalzanti da averci posto in una condizione in cui l’approfondimento sembra essere diventato inattuabile, il dialogo limitato a brevi battute necessarie e il relazionarsi quasi un fastidioso passaggio necessario al raggiungimento dell’obiettivo finale. Senza considerare poi tutti i rapporti virtuali che ci siamo stranamente e innaturalmente convinti possano sostituirsi a quelli reali, vissuti, respirati vis à vis. La velocità dei nostri tempi ci induce a bruciare le tappe anche nelle relazioni interpersonali, in cui ci si incontra per caso, ci si frequenta dopo un giorno, si vive subito intensamente il rapporto e ci si separa altrettanto rapidamente. In tutto questo incedere verso chissà quale obiettivo più alto, dimentichiamo di porci in…

Continua a leggere

Lungo il cammino

Lungo il cammino

E poi arriva quel giorno in cui… pur sapendo di non aver bisogno di cercare niente… speriamo in fondo a noi stessi di trovare tutto ciò che ci manca… Dall’inizio del nostro percorso di crescita, quello che ci ha condotti, giorno dopo giorno, evento dopo evento, a costruire la nostra personalità, a delineare e far emergere in modo chiaro le caratteristiche principali di quell’indole che a volta abbiamo fatto fatica a tenere a bada tanto quanto invece gli eventi ci hanno costretti a modificarne alcune sfaccettature, da quell’inizio dicevo, siamo giunti a una fase successiva, quella dell’equilibrio con noi stessi. Certo, non è stato affatto semplice, in alcuni momenti siamo dovuti riemergere dalle sabbie mobili dentro le quali eravamo immersi mentre in altri invece siamo stati costretti dalle circostanze a ridimensionare un autocompiacimento che ci aveva fatto credere di aver raggiunto tutto ciò che volevamo, salvo poi trovarci a vederlo…

Continua a leggere

Imprevedibilmente

Imprevedibilmente

Esistono momenti in cui dobbiamo correre… e altri nei quali sentiamo il bisogno di prendere fiato… e tra un respiro e l’altro può giungere l’inaspettato… Nel corso della nostra esistenza, complicata e mutevole come d’altronde è giusto che essa sia ai fini di un’evoluzione personale fondamentale per farci raggiungere una maturità che possa darci equilibrio nella consapevolezza, abbiamo dovuto far fronte a situazioni durante le quali ogni cosa sembrava accelerata. In quei frangenti sapevamo di aver poco tempo per riflettere perché era necessario cavalcare l’onda favorevole davanti alla quale ci trovavamo per non rischiare di perdere quell’attimo irripetibile che solo in alcuni periodi la vita ci propone. Quei momenti sono stati fondamentali per formarci, per renderci determinati e propositivi verso un obiettivo, o aperti verso una situazione emotiva che volevamo fortemente accogliere e sperimentare perché avevamo intuito che sarebbe stata un arricchimento del nostro mondo interiore, qualunque ne fosse stato…

Continua a leggere

Solo tu fra tanti

Solo tu fra tanti

Il giorno in cui la nostra vera essenza… si sentirà libera di uscire alla luce… sarà lo stesso in cui scopriremo perché prima… aveva voluto restare nell’ombra… Nel corso delle vicissitudini in cui ci imbattiamo, quelle che da un lato ci permettono di crescere, conoscerci, maturare, ma dall’altro ci costringono a modificare alcune parti di noi e a innalzare barriere a difesa della nostra fragilità interiore, vorremmo a volte avere quella rara capacità di capire subito con chi abbiamo a che fare, che tipo di persona ci troviamo davanti. Tuttavia questo non è possibile, soprattutto nel momento in cui siamo emotivamente coinvolti al punto di perdere quel minimo di razionalità che ci sostiene e che abbiamo costruito grazie alle esperienze passate. Dunque impariamo a costruire una maschera dietro la quale diventa necessario celare il lato morbido, quello che sarebbe più esposto, più facilmente a rischio di ferite, qualora lo manifestassimo…

Continua a leggere

Sognatori

Sognatori

E poi ci guardiamo intorno e ammettiamo… che la solitudine è molto meglio del compromesso… forse perché siamo troppo esigenti… o forse perché vogliamo continuare a essere inguaribili sognatori… Perché a un certo punto della nostra vita decidiamo di preferire la solitudine? E’ forse paura del confronto la nostra oppure timore di mettere in gioco sentimenti che sono stati delusi e disillusi? Come mai, nonostante abbiamo provato in passato a costruire dei rapporti, nel presente ci ritroviamo a raccontarci che non siamo più disposti a scendere a compromessi? La questione è spinosa soprattutto guardando al passato più recente della nostra società che ha subìto una veloce evoluzione di cui la nostra generazione sta prendendo coscienza. Forse è perché siamo nati da genitori in cui era molto forte il concetto del sacrificarsi per la famiglia, pur avendo inevitabilmente notato che è una scelta che molto spesso non ha funzionato; forse perché…

Continua a leggere

Dove sei?

Dove sei?

A volte ciò che ci manca di più… non è una persona per cui provare un sentimento… ciò che ci manca di più a volte… è come eravamo noi quando l’abbiamo provato… Nei lunghi intervalli di tempo che intercorrono tra la fine di una relazione e l’inizio di un’altra, siamo particolarmente inclini a subire gli alti e bassi che la solitudine, inevitabilmente, porta con sé. Da un lato, soprattutto se abbiamo chiuso noi la situazione precedente, ci sentiamo sollevati per aver messo la parola fine a qualcosa che non ci faceva più sentire bene, a nostro agio, felici; dall’altro però sentiamo la mancanza della condivisione di momenti, di piccole quotidianità, di qualcuno che ascolti le nostre vittorie e le nostre sconfitte e combatta al nostro fianco. E’ anche vero che, se guardiamo bene, non sempre le storie del passato ci avevano dato ciò di cui avevamo bisogno, ed è anche…

Continua a leggere

Forte abbastanza

Forte abbastanza

La certezza che qualcuno ci aspetti… ogni volta che decidiamo di tornare… verrà meno quando ci renderemo conto che cercandolo… non sarà più lì… Quanti di noi hanno vissuto, almeno una volta nella vita sentimentale, una di quelle relazioni tira e molla in cui ogni ritorno sembrava più confuso della precedente chiusura? Quali rospi abbiamo dovuto mandare giù adattandoci completamente all’ottovolante gestito dall’altro su cui nostro malgrado siamo dovuti salire, se volevamo mantenere vivo il rapporto? Con quanta sicurezza in se stesso abbiamo visto, e permesso, fare all’altra parte il bello e il cattivo tempo a cui noi, pur cercando di resistere, non potevamo fare a meno di sottostare perché stare con quella persona era tutto ciò che sentivamo di volere? Perché l’altro, nella sua prepotenza di bambino capriccioso, giocava con i nostri sentimenti pur sapendo quanto fossero profondi, quasi come se l’allontanarsi fosse un modo per misurare il suo…

Continua a leggere
1 2