Rosa del deserto

Rosa del deserto

Un’emozione non ha spiegazioni… non ha motivi e non ha ragioni… lei nasce spontanea anche dentro un deserto… si nutre solo di sabbia e vive… Quante volte ci è successo di credere di aver dimenticato un particolare momento della nostra vita ma poi improvvisamente è riemerso? Come mai siamo stati tanto sicuri di aver superato in modo definitivo un distacco o la fine di qualcosa, salvo poi sorprenderci a pensarci quando meno ce lo saremmo aspettato? Perché tutto ciò di cui non ricordavamo più i dettagli si manifesta dal nulla travolgendoci di nuovo con un’intensità che mai avremmo immaginato di ricevere da un passato superato? Molto spesso tendiamo ad allontanare le sensazioni forti che, belle o brutte che siano state, ci hanno in ogni caso dato un incredibile scossone emotivo ma che poi, per vari motivi, abbiamo dovuto chiudere all’interno del quaderno del non più per poter iniziare la nuova…

Continua a leggere

Imperfetti ma completi

Imperfetti ma completi

L’imperfezione è la parte più vera di noi… ma anche quella che i più fanno fatica ad accettare… nell’errata convinzione di doverla nascondere… Chissà per quale strano motivo tutto intorno a noi, nel vivere contemporaneo, sembra volerci indurre a vedere la perfezione come la meta più alta da raggiungere, l’ideale verso cui orientarci per diventare persone migliori, come se i difetti, le piccole manie, le mancanze che ognuno di noi ha, costituissero delle macchie da cancellare per renderle invisibili agli altri. Dunque ci adeguiamo alla realtà in cui quotidianamente ci muoviamo e apprendiamo, in modo via via più scaltro, a nascondere quel lato di noi che temiamo potrebbe farci apparire non all’altezza degli standard verso i quali vogliamo tendere. L’abitudine a non mostrarci per come siamo, a volte si radica in modo talmente profondo da farci ricorrere all’adozione di maschere che via via si stratificano, l’una sovrapposta all’altra e in…

Continua a leggere

Ombre cinesi

Ombre cinesi

Esiste una parte di noi che a volte sacrifichiamo… nella convinzione che la rinuncia ci renda migliori… impedendoci così di essere serenamente noi… A un certo punto della nostra vita scatta un meccanismo davvero strano, che solo qualche tempo prima mai e poi mai avremmo preso in considerazione. Dopo una serie di esami di coscienza, di guardare in fondo a ogni questione nella quale siamo passati, dopo una moltitudine di domande senza risposte e di risposte senza apparenti domande, dopo aver gridato a voce alta chi eravamo e chi volevamo assolutamente continuare a essere, ci troviamo improvvisamente a decidere di mettere in secondo piano una parte di noi, quella forse più ingestibile, quella che crediamo ci abbia causato maggiori problemi, quella che costituisce un angolo che ci siamo convinti di dover smussare. Oppure possiamo aver compiuto una rinuncia al nostro lato impulsivo, selvaggio o irruento, all’inizio del nostro cammino di…

Continua a leggere

Fino all’alba

Fino all’alba

Il vuoto con cui più difficilmente riusciamo a convivere… è quello che intercorre tra la fine di qualcosa… e l’attesa dell’arrivo di un nuovo inizio… Ebbene sì, dobbiamo seppur non volendolo, imparare a convivere con l’innegabile certezza che la maggior parte delle cose, delle vicende della nostra esistenza, abbiano un inizio ma anche una fine. Spesso l’epilogo è un macigno difficilissimo da mandare giù, in altri casi invece si è rivelato un sollievo, un nuovo respiro dopo un periodo buio, o tempestoso, o conflittuale, perché è questo lo stato d’animo che ci assale quando stiamo prendendo o subendo la decisione di una chiusura. Laddove accettare la fine di qualcosa che aveva riempito la nostra vita può essere già difficile di per sé, anche quando si rivela inevitabile per il benessere psico-fisico nostro e di chi ci sta accanto, convivere con quel lungo periodo che dobbiamo necessariamente lasciar passare per superare…

Continua a leggere

Lampi nella nebbia

Lampi nella nebbia

L’equilibrismo di alcuni nel lasciare le cose indefinite… può essere sbilanciato solo dalla ferma posizione degli altri… nel volerle chiaramente definire… E’ strano guardarci indietro e realizzare come alcune relazioni inizino in un determinato modo e proseguano per la stessa strada, quella della luce, della chiarezza, della spontaneità reciproca e quanto altrettanto poi, nel tempo, virino irrimediabilmente verso un distacco, un allontanamento apparentemente immotivato se non dall’inevitabilità del dato di fatto che alcune cose sono destinate ad avere un inizio e una fine. Analizzandone i percorsi, le motivazioni, le contorsioni alle quali nostro malgrado assistiamo, o a cui ci dobbiamo arrendere, acquisiamo la consapevolezza che il cambiamento fa parte della vita tanto quanto l’accettare che un sentimento possa prendere una strada differente da quella sperata e voluta. Dunque ci ributtiamo nella mischia ben sicuri, perché l’esperienza ce lo ha insegnato, che non tutto ciò che inizia in un determinato modo…

Continua a leggere