Vado via per un po’

Vado via per un po’

Il modo migliore per perdersi spesso… è cercare di trovarsi… così come il modo migliore per trovarsi… è quello di decidere di perdersi… Nella società contemporanea ogni incontro, ogni rapporto interpersonale sembra inspiegabilmente complicarsi, dopo i primi approcci idilliaci e piacevoli, e generare una serie infinita di incomprensioni che difficilmente riescono a trovare una risoluzione. Ciò è probabilmente dovuto alla fretta con la quale tendiamo ad approcciare l’altro, certi di poter intuire velocemente cosa davvero sta cercando di sottintendere, ma anche alla mancanza di reale ascolto e attenzione a tutto ciò che in qualche modo è esterno a noi, incapaci in fondo di osservare la realtà da un punto di vista più empatico, senza valutarla attraverso il filtro del nostro comportamento e delle nostre peculiarità caratteriali bensì comprendendo le azioni e le reali intenzioni di chi non può che essere diverso da noi solo per il fatto di essere un…

Continua a leggere

Non succederà più

Non succederà più

Gli errori perdonati… non dovrebbero mai essere una scusa… per continuare a sbagliare… Le relazioni nell’epoca contemporanea sono diventate difficili, complicate, inarrivabili perché tutto porta a far tendere l’esistenza verso un tempo futuro che ci si illude possa andar avanti all’infinito. Non che prima fossero più semplici, però in passato le persone sembravano maturare più in fretta, erano più orientate a prendersi responsabilità e impegni senza che questo venisse vissuto come un peso, un onere, un qualcosa da cui scappare a gambe levate. Oggi dunque, ci troviamo di fronte a un esercito di eterni immaturi che sembra cercare in tutti i modi di sfuggire a impegni anche se solo di tipo sentimentali, emotivi, al punto di sentirsi quasi costretti a dover periodicamente sbagliare per allontanarsi e prendere aria da un qualcosa che li spaventa. Fatti i conti però con la realtà che il sentimento, il legame che va oltre la…

Continua a leggere

Ricordati di me

Ricordati di me

Esistono persone che dimentichiamo… anche se hanno fatto di tutto per essere presenti… e altre che non riusciamo a cancellare… anche se hanno cercato in tutti i modi… di essere assenti… A volte capita di fare quegli incontri strani, di matrice destinica, che riescono a creare in noi un legame talmente forte il quale, inspiegabilmente, ci tiene incollati a una persona che sentiamo non essere quella migliore per noi, quella che non riuscirà mai a renderci felici, quella a cui manca tutto l’equilibrio e la stabilità che sappiamo necessari a noi per sentirci bene. Molto spesso questo tipo di rapporti ha un andamento altalenante che ci costringe a chiudere continuamente la porta all’altro salvo poi continuamente riaprirla, ancora e ancora, perché mettere la parola fine è difficile, dimenticare impossibile. E non che non abbiamo tentato, chiusura dopo chiusura, a ricominciare, a voltare pagina, a lasciarci la possibilità di fare altri…

Continua a leggere