Dissonanze elettive

Dissonanze elettive

Il momento in cui non ci sentiamo compresi… è lo stesso nel quale realizziamo… che probabilmente non abbiamo davanti l’interlocutore giusto… Interfacciarci con persone differenti, molte delle quali sono state importanti nella nostra esistenza per un periodo più o meno lungo, ci ha indotti a trovare incredibile facilità di dialogo e di interazione oppure, al contrario, abbiamo riscontrato enormi difficoltà nel riuscire ad avere un punto di vista convergente o, quanto meno, a trovare un punto di incontro che non richiedesse una continua necessità di scendere a patti con noi stessi e con l’altro. Per di più questo tipo di interrelazione complicata ha caratterizzato spesso i rapporti a cui tenevamo maggiormente, quelli con le persone che avevamo creduto sarebbero divenute via via più importanti fino ad accompagnare molto a lungo il nostro cammino; in quei casi la continua ricerca di un punto di incontro, di una terra di mezzo tra…

Continua a leggere

E poi siediti

E poi siediti

Forse in fondo la felicità non risiede negli alti e bassi delle emozioni… forse la felicità abita negli spazi di serenità tra i due impetuosi estremi… La società contemporanea ci induce ad avere ritmi esistenziali serrati, orientati al raggiungimento di obiettivi e di traguardi per i quali impegnarci e lavorare duramente sembra essere l’imperativo irrinunciabile; se da un lato questo tendere contribuisce a indurci ad apprezzare e a convivere con quella tensione necessaria a diventare stimolo per perseguire lo scopo che ci siamo imposti, dall’altro ci spinge a credere che nel momento in cui tutto sembra scorrere su un binario più tranquillo, perché la meta è stata raggiunta oppure semplicemente perché arriva un momento in cui è necessario aspettare che gli eventi prendano la direzione auspicata, stiamo perdendo tempo, stiamo assumendo un atteggiamento eccessivamente rilassato che fa sorgere il sospetto che qualcosa non vada. La conseguenza logica di questo tipo…

Continua a leggere

Non chiamarlo amore

Non chiamarlo amore

Il momento in cui sentiamo che una persona… ci fa perdere la serenità… dovrebbe essere lo stesso in cui decidere… di perdere quella persona… Durante la nostra crescita sentimentale abbiamo appreso, basandoci anche sul pensiero comune che era la base da cui partire quando ancora brancolavamo nel buio riguardo alle relazioni sentimentali, che un sentimento forte deve in qualche modo nascondere o comprendere una sofferenza, una tensione tra forze negative e forze positive che sembrano dover essere l’ago della bilancia della profondità di un amore. Partendo da questo presupposto ne incontriamo un altro di concetto generalizzato, forse anche più incisivo, che una relazione lunga e duratura debba presupporre sopportazione e tolleranza, accettazione dei pregi e difetti dell’altro e perdono di quegli errori che, in una situazione differente, non avremmo mai ammesso nella nostra esistenza. Queste considerazioni generano la falsa convinzione che solo quando ci troviamo davanti ad atteggiamenti che ci…

Continua a leggere

Giochi di prestigio

Giochi di prestigio

L’esperienza ci insegna a non fidarci degli inaffidabili… e a non ascoltare gli incoerenti… sta a noi apprendere l’insegnamento e farne tesoro… La parola esperienza racchiude in sé un intero mondo fatto di incontri, di scontri, di speranze, di attese, di disillusioni, di persone entrate e uscite dalla nostra vita e di episodi che resteranno indelebili nella nostra memoria, emotiva e non; la stessa parola spesso viene messa in secondo piano rispetto alla convinzione che ogni persona sia diversa da un’altra, che ognuna costituisca un mondo a sé e che non necessariamente ciò che abbiamo visto accadere con qualcuno si ripeterà in modo identico con qualcun altro di simile e che dobbiamo lasciare aperta la porta al beneficio del dubbio. E’ anche vero però che sappiamo perfettamente di non volerci mai più ritrovare a raccogliere i pezzi di qualcosa che si è spezzato per sempre, perché riprendersi diventa sempre più…

Continua a leggere

E poi tutto cambia

E poi tutto cambia

Dopo aver conquistato la capacità di risolvere cose complicate… scopriamo che forse ciò di cui abbiamo davvero bisogno… è solo che le cose siano semplici… Molto spesso la vita ci ha messi alla prova, ci ha portati davanti a scelte a volte anche difficili da compiere, oppure ci ha spinti a superare degli ostacoli che fino a quel momento potevano sembrarci insormontabili; in quei momenti abbiamo temuto di non riuscire, abbiamo pensato che ne saremmo usciti sconfitti e invece siamo stati capaci di tirare fuori una forza e una grinta che non credevamo ci appartenessero. Quegli episodi sono stati fondamentali per misurarci con noi stessi e spostare in avanti l’asticella del nostro coraggio, della nostra determinazione, della capacità di lottare e di risolvere i problemi che incontravamo davanti a noi e trovare la soluzione migliore. Abbiamo più di una volta creduto di dover gettare la spugna, lamentandoci sul perché ci…

Continua a leggere